Questo sito contribuisce all'audience de

bonus

Calciomercato Inter, assalto a Milinkovic-Savic: pronto lo scambio

CALCIOMERCATO INTER NEWS - Sergej Milinkovic-Savic è l'oggetto del desiderio di Conte e Marotta:...

Calciomercato Inter, in ESCLUSIVA l’agente di Dzeko: “Marotta ci riprova? A gennaio…”

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Prima l'Inter, poi la Juventus, alla fine Edin Dzeko è rimasto...

Calciomercato Inter, Castrovilli prenotato: i dettagli

CALCIOMERCATO INTER NEWS - Dopo un inizio di stagione al di sotto delle aspettative...

Inter, grana Agoume: “Siamo molto delusi”

Nessun minuto giocato, allo Spezia, per Lucien Agoume, trasferitosi questa estate alla corte di...

Calciomercato Inter, la Premier torna di moda: rottura totale, Marotta ne approfitta?

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Sanchez, Lukaku, Young ed Eriksen. Cosa hanno in comune? Un passato...

Inter, Conte sotto esame: Marotta ha trovato il sostituto

Sono giorni di grande apprensione in casa Inter. Dopo il pareggio contro la Lazio...
Home Serie A La caduta degli dei, Inter e Juventus deludono alla ripresa della Serie...

La caduta degli dei, Inter e Juventus deludono alla ripresa della Serie A: tutto da rifare?

Nella giornata di ieri sono arrivate molte delusioni in vista della ripresa della Serie A, con le sconfitte rimediate dalle prime quattro della scorsa stagione. Inter, Juventus, Atalanta e Lazio sono uscite dal campo deludendo i propri tifosi, non riuscendo a trovare la vittoria. Conte ha trovato la prima sconfitta in campionato nel Derby, lasciando molti interrogativi sulla propria squadra, ma non è tutto da rifare.

Un sabato disastroso per le grandi della Serie A, le prime quattro in classifica della precedente stagione hanno deluso alla ripresa del campionato. Atalanta e Lazio sono tracollate al San Paolo contro il Napoli e al Ferraris contro la Sampdoria, uscendo sconfitte con ben tre goal di scarto e senza essere riuscite ad imporre il proprio gioco. Anche la Juventus è caduta fuori casa contro il Crotone, riuscendo a trovare solo un pareggio con una squadra che si è difesa con le unghie e i denti per riuscire a strappare l’1-1 finale: i bianconeri hanno mostrato di non avere una vera e propria quadratura, sulla quale Pirlo dovrà lavorare molto, nonostante alcune assenze importanti come Cristiano Ronaldo e Dybala. Infine l’Inter ha perso dopo anni di successi il Derby della Madonnina contro un Milan agguerrito e ben consolidato, che è riuscito a trovare continuità e un’identità grazie a Pioli ed Ibrahimovic.

Antonio Conte, allenatore dell'Inter
Antonio Conte, allenatore dell’Inter (@imagephotoagency)

Inter, è tutto da buttare? Cosa è che non va

Il primo passo falso dell’Inter è arrivato alla quarta giornata di campionato in un match che può essere definito imprevedibile a prescindere dalla qualità delle due squadre. Gli uomini di Conte sono usciti sconfitti dal Derby, anche se non proprio in brutto stile, perché qualcosa di positivo è uscito nonostante l’insuccesso. Tuttavia per prima cosa bisognerà capire gli errori commessi per poter andare avanti e cercare di totalizzare più punti possibili nelle prossime partite, poiché tra Champions e campionato il calendario diventa fitto di impegni. Innanzitutto nella gara contro il Milan si sono visti i gravi problemi in difesa, dovuti anche ad essenze pesanti come quelle di Skriniar e Bastoni, la Beneamata soffriva parecchio i contropiedi avversari e campo aperto, con un Kolarov in fase di marcatura non pervenuto.

Conte dovrà lavorare anche sulla poca lucidità mancata nella partita di ieri e con la Lazio, anche se forse questo diventa il problema minore, visto che a tratti i nerazzurri scompaiono e si perdono in alcuni momenti della partita concedendo troppo agli avversari e pagandone poi le conseguenze. Infine c’è Christian Eriksen, che quasi sembra una zavorra in campo, indecente la sua prestazione di ieri, anche se questo può essere dovuto ad una mancanza di fiducia nei suoi confronti, che però con prestazioni non potrà di certo arrivare. Fiducia che invece meriterebbe di più Alexis Sanchez, forse entrato troppo tardi nella gara di ieri.

Lukaku, attaccante dell'Inter
Lukaku, attaccante dell’Inter (@imagephotoagency)

Inter, un passo falso ci può stare: ora bisogna ripartire

Tuttavia, come detto in precedenza un passo falso può anche starci in un cammino che è lungo e tortuoso. Ora però bisogna imparare dagli errori e ripartire, perché questa Inter è stata costruita per vincere e ha tutte le carte in regola per farlo. Conte dovrà ridare il morale giusto ai suoi e lavorare per cercare di risolvere le sbavature che ancora la squadra tende a presentare.

La prestazione di ieri non è stata bruttissima, anche perché in alcuni momenti la Beneamata ha saputo reagire allo svantaggio: bisogna anche ammettere che il mister salentino non ha avuto a disposizione della famosa panchina lunga e di qualità di cui si è parlato tanto per ribaltare il match a causa dei numerosi positivi al Covid-19. Questo non dovrà essere un alibi e bisognerà concentrarsi su quanto di buono è stato fatto finora, perché non è tutto da buttare e le prestazioni di Lukaku e Barella ne sono un esempio. Intanto sull’asse del mercato la dirigenza meneghina non ha intenzione di fermarsi e sta provando a prendere Cragno del Cagliari. >>>CONTINUA A LEGGERE

Calciomercato Inter, maxi plusvalenza per Marotta: il Barcellona di nuovo su Lautaro, Messi è la chiave

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Il calciomercato si è concluso da quasi un mese, ma...

Calciomercato Inter, Modric torna di moda: sorpasso sul Milan, Marotta ci prova?

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Il calciomercato si è ormai concluso da un bel po',...

Calciomercato Inter, il Barcellona punta Eriksen: due cessioni per Marcos Alonso

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Una storia d'amore mai realmente sbocciata quella tra l'Inter e Christian Eriksen. Arrivato lo scorso gennaio tra mille aspettative, il talento...

Inter, campionato falsato? Attenzione al Var: ecco cosa succede

Dopo un brutto inizio di stagione, finalmente l'Inter è tornata alla vittoria imponendosi per 2-0 contro il Genoa. Questa vittoria però non deve lasciar...

Calciomercato Inter, addio Vecino: il Manchester City offre una soluzione

Minuto 58 di Genoa-Inter. Escono Perisic ed Eriksen, entrano Hakimi e Barella, con lo spostamento di Darmian sulla corsia mancina. Passano sei minuti e...

Inter, la rivincita di Ranocchia: professionalità e serietà al primo posto

Era sul mercato in quanto ormai sesta scelta non più funzionale al progetto. Oggi è stato chiamato in causa a sorpresa e ha risposto...