Inter, Pirlo: “Conte non mi ha stupito, lotterà con la Juve fino all’ultimo”

Domenica sarà il grande giorno. L’Inter affronterà il Milan. Il Biscione contro il Diavolo, una sfida che non morirà mai, a prescindere dal clima attorno al match. Quest’anno comunque sia il derby sembrerebbe essere più sentito, sia perché l’Inter non può permettersi di sbagliare, sia perché in campo ci saranno Eriksen e Ibrahimovic. Il big match si giocherà ovviamente a San Siro, ma sarà l’Inter la padrona di casa e anche questa volta arriverà il sold-out. Le aspettative dei tifosi nei confronti della squadra di Conte sono tante, ed il tecnico salentino non vorrebbe deluderle. A parlare di questa partita sentita è stato Andrea Pirlo, che ha cominciato la sua intervista per La Gazzetta dello Sport in questo modo: “Il derby è sempre qualcosa di magnifico. Ne ho giocati di diversi ed è difficile trovare una partita che ti emoziona maggiormente. E’ un match che ti può cambiare la stagione ed incide molto sull’autostima. Inoltre in questo tipo di partite il distacco si annulla, sono 90 minuti che fanno storia a sé”.

Successivamente Pirlo ha parlato del grande ex, Zlatan Ibrahimovic: “E’ decisivo. Alza molto l’attenzione di tutta la squadra e vuole che tutti siano perfetti così come lo è lui. Massima concentrazione e tecnica da paura. E’ un giocatore dal carattere fortissimo, fare allenamento con lui crea tanta tensione, ma alla fine si tramuta in un qualcosa di positivo. Lo si vede anche dai risultati dell’ultimo periodo del Milan. In campo fa ancora la differenza anche se non come prima, ma non tanto per l’età, quanto per l’infortunio che ha rimediato a Manchester qualche anno fa”. Infine Pirlo ha parlato della grande lotta tra Inter e Juventus: “A ridurre il gap con i bianconeri ci ha pensato soprattutto Conte. E’ un allenatore diverso dagli altri, ti porta a dare sempre il massimo. E’ malato di vittoria, non vorrebbe perdere questo derby per niente al mondo. Dico che la distanza con la Juve l’ha colmata lui perché è uno dei migliori al mondo, però l’Inter è riuscita a spendere bene e regalargli gli acquisti ideali al suo gioco. Credo che comunque i bianconeri siano ancora un po’ avanti, anche loro hanno un grande allenatore come Sarri. Inoltre penso che sia una squadra costruita bene come poche altre in Europa. Credo che quest’anno possa vincere la Champions League, potrebbe essere la volta buona”.

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!