in

Inter, la rivincita di Perisic: dall’addio alla fiducia riconquistata

Ivan Perisic, giocatore dell'Inter
Ivan Perisic, giocatore dell'Inter

Dal passaggio al Bayern Monaco nell’estate del 2019 al gol di ieri a La Spezia. Ivan Perisic si è ripreso l’Inter, riconquistandosi la fiducia di tutti. Il croato è tornato da Monaco di Baviera con una Champions League in più e tanta voglia di dimostrare il suo valore. Il calciatore, nell’estate di ormai un anno e mezzo fa, era considerato da Antonio Conte un elemento non adatto al suo gioco, abituato ad un tipo di gioco diverso da quello salentino e così il prestito. Dopo l’anno in Germania sembrava essere tornato Milano solo momentaneamente, in quanto i bavaresi non avevano esercitato il diritto di riscatto. Alla fine è rimasto alla corte di Conte, e grazie alla tenacia di entrambi, l’esterno si è dimostrato un elemento utile all’annata nerazzurra.

La tenacia del croato e i meriti di Antonio Conte

Il tecnico salentino è stato bravo a tornare sui suoi passi, reintegrando in gruppo Perisic e dandogli tempo per comprendere al meglio il nuovo lavoro richiesto. Il Perisic di quest’anno sembra cambiato: più maturo, più convinto dei propri mezzi, capace di farsi cucire addosso un ruolo che non era nelle sue caratteristiche. Il merito sta nel mezzo, nella voglia del calciatore croato di dare il suo contributo e mostrare il suo valore, e nel lavoro di Antonio Conte, che ha valorizzato le caratteristiche del giocatore, facendolo sentire importante. Perisic, quest’anno ha fornito ottime prestazioni nelle sue 27 presenze, contribuendo alla cavalcata nerazzurra con 3 reti e 5 assist. Il gol di ieri è solamente la ciliegina sulla torta della sua stagione e dopo un anno di pausa si è ripreso la “sua” Inter.

Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter

Inter, Conte, una condizione per restare: la richiesta dell’allenatore

Sandro Sabatini, giornalista di Mediaset

Inter, Sabatini: “Campionato vinto a La Spezia. Non è tutto merito di Conte”