Inter-Cagliari 1-1, dov’è la vittoria? Lautaro apre, Nainggolan la chiude

Inter-Cagliari 1-1, Conte non sa più vincere: polemiche nel finale

Cala il sipario su Inter-Cagliari con il terzo 1-1 consecutivo della squadra di Antonio Conte. Il copione è lo stesso delle ultime due uscite: nerazzurri in vantaggio per primi e recuperati nel finale dagli avversari. Una frenata che potrebbe costare caro ad Handanovic e compagni che, al termine della giornata in corso, potrebbero trovarsi a sei punti di distanza dalla vetta della classifica, saldamente occupata dalla Juventus. La partita sembra incalanarsi sui binari giusti nel corso della prima frazione di gioco, quando un cross al bacio del neo acquisto Ashley Young trova la testa di Lautaro Martinez, che sigla l’undicesima rete di questo campionato. Proteste del Cagliari per una spinta dell’argentino e consueto controllo al Var, ma il gol è regolarissimo.

Girandola di emozioni nel secondo tempo. L’Inter va più volte vicina al gol con i vari Sensi, Lukaku e Lautaro Martinez, ma non riesce a chiudere la partita come successo anche contro l’Atalanta e il Lecce. Proteste nerazzurre per un fallo di ostruzione in area di rigore ai danni di Young, ma l’arbitro fa cenno al terzino inglese di rialzarsi senza nemmeno andare a rivedere l’azione al monitor. Al 78′ succede l’impensabile: Nainggolan prova il tiro da fuori area e il pallone, dopo essere carambolato sul tacco di Bastoni, si deposita in rete per l’1-1 degli ospiti. Conte inserisce Sanchez e Dimarco al posto di Sensi e Biraghi, ma è troppo tardi. Lukaku va vicinissimo al gol con una bellissima azione personale e, nei minuti di recupero, l’arbitro decide di allontanare dal campo per proteste l’autore del gol Lautaro Martinez, sul quale si potrebbe abbattere anche la manna del Giudice Sportivo. Il gioco rimane fermo per un paio di minuti, ma Manganiello opta per il triplice fischio, condannando l’Inter al terzo pareggio di fila.

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!