Sconcerti, il retroscena: "Potevo diventare direttore generale dell'Inter"