in

Se l’Inter piange il Barcellona affonda: conti in rosso per il club spagnolo

Nonostante la rinuncia sul rinnovo di Messi a Barcellona il bilancio segna – 481 milioni di euro

Leo Messi, sei volte Pallone d'Oro del Barcellona
Leo Messi, sei volte Pallone d'Oro del Barcellona

Tempi duri per tutte le Big Europee tranne che per poche prescelte. Lo sa bene l’Inter costretta a cedere due pezzi pregiati come Lukaku ed Hakimi per sanare un bilancio svuotato dalle restrizioni del mercato Cinese ma soprattutto dalla pandemia che ha travolto l’economia mondiale. Di poco fa le dichiarazioni del proprietario del Barcellona Joan Laporta in conferenza stampa, nonostante la clamorosa partenza di Messi, con mega stipendio annesso, il Barcellona sembra trovarsi in una situazione di crisi economica senza precedenti. Queste le sue parole: ” Appena arrivati ​​abbiamo dovuto chiedere un prestito ponte a Goldman Sachs per pagare le nostre buste paga. Ci hanno limitato molto e non potevamo agire normalmente in campo economico. Il rifinanziamento di 560 milioni, all’uno per cento, ci ha permesso di fare i conti con la situazione. Il 50% è stato addebitato in anticipo sui diritti tv di la lega. Soldi presi dalle banche con un interesse del 9%, con la spesa finanziaria del club al 6%, una cifra insostenibile. Noi con Goldman Sachs abbiamo ottenuto 525 milioni all’1,9%. Nell’ultimo esercizio abbiamo avuto spese per 1136 milioni di euro a fronte di un fatturato da 631 milioni, con perdite di 481 milioni. L’impatto del Covid è stimabile in 91 milioni

Radja Nainggolan, nell'ultima stagione in forza al Cagliari

Inter, l’addio di Nainggolan: “Stress troppo alto”

Calciomercato Inter, in uscita un portiere: va in serie b