in

Sassuolo-Inter 3-4, tre punti con il brivido: Lautaro e Lukaku sugli scudi

Lautaro Martinez
Lautaro, attaccante dell'Inter

Sassuolo-Inter, i nerazzurri rischiano di subire una clamorosa rimonta nel finale

L’Inter torna “pazza” contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi. Al Mapei Stadium i nerazzurri deliziano e, al contempo, spaventano i propri tifosi, tornando a casa con tre punti fondamentali per rimanere in scia alla Juventus di Maurizio Sarri. Settanta minuti di predominio assoluto per la squadra di Antonio Conte che, nel finale, rischia di subire una clamorosa rimonta da Berardi e compagni.

Pronti, via, è Lautaro Martinez, imbeccato da Brozovic, a firmare il vantaggio dei nerazzurri con un tiro chirurgico che non lascia scampo a Consigli. L’euforia dell’Inter, però, dura soltanto quindici minuti, con Berardi che, di destro, infila in diagonale Samir Handanovic, siglando il momentaneo 1-1. Al 38′, però, arriva il momento di Lukaku che, dopo aver raccolto un preciso passaggio di De Vrij, libera il destro al centro dell’area di rigore, facendo valere il proprio strapotere fisico. Non è finita qui: la compagine meneghina continua a macinare gioco trascinata da un Lautaro Martinez in giornata di grazia. L’argentino, che prima del pareggio dei neroverdi si era divorato un gol a tu per tu con il portiere, si procura un rigore, che ancora Lukaku è bravo a trasformare nel 3-1 di Handanovic e compagni.

Sassuolo-Inter, euforia e sofferenza: secondo tempo al cardiopalma

Non basta nemmeno il 4-1 di Lautaro Martinez, dagli undici metri, per far vivere una domenica tranquilla all’Inter di Antonio Conte. Entrano sul rettangolo verde Politano e, soprattutto, Lazaro, alla sua prima presenza in Serie A con la maglia nerazzurra. Il livello di concentrazione collettivo si abbassa e, ad approfittarne, è il neo entrato Djuricic: Boga mette in moto Caputo che, a sua volta, serve un cioccolatino che il calciatore serbo deve soltanto scartare. L’Inter va in apprensione e la fatica inizia a farla da padrone: all’81’ lo stesso Boga supera con troppa facilità un Lazaro assolutamente insufficiente, si incunea tra le maglie della difesa nerazzurra e batte Handanovic. L’assalto finale del Sassuolo, però, non scalfisce il muro innalzato da De Vrij e compagni che, nonostante un finale thrilling, ritornano dalla trasferta emiliana con tre punti preziosissimi in ottica Scudetto.

Marotta

Calciomercato Inter, dalla Spagna un colpo ad effetto per Marotta

Schirò

Inter Primavera, arriva la prima sconfitta: il Genoa rimonta i nerazzurri