in

Ranieri boccia l’Inter:” Hanno smantellato. Scudetto? Juve, poi Milan e Atalanta”

L’ex tecnico nerazzurro parla della situazione dell’Inter dopo le importanti uscite in fase di calciomercato

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria
Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria

Claudio Ranieri è certo, l’Inter ha perso i pezzi e parte dietro nella griglia per la lotta allo scudetto. Nella lunga intervista alla Gazzetta dello Sport dichiara: “«L’addio di Conte è stato il segnale di quello che sarebbe accaduto. Via Conte, Hakimi e Lukaku: in due mesi l’Inter ha smontato la squadra dello scudetto» – sull’importanza del Belga in casa Inter«E’ andato via un punto riferimento fondamentale. Lukaku non è solo una forza della natura e un cannoniere di livello mondiale: era anche una delle pedine essenziali del gioco interista. Per Inzaghi è un inizio in salita, ma Simone è bravo. Mi aspetto una reazione importante».

LEGGI ANCHE: Dalla Serbia: Jovic-Inter, è fatta!

La favorita è la Juventus

Alla domanda su chi parte favorito per la vittoria dello scudetto Ranieri è sicuro “«La Juventus. Il ritorno di Allegri ha una sua logica. Credo che a Max non si chieda di vincere la Champions, ma di porre le basi di un rilancio e lui rappresenta una garanzia» – per il tecnico Romano l’Inter è ben lontana, dietro la Juve ne sceglie altre due – “Milan e Atalanta. Il Milan ha un progetto di crescita avviato. Ha preso Giroud, un centravanti di statura internazionale. Mi auguro che torni ad alti livelli Ibrahimovic, un fuoriclasse che pretende sempre il meglio da se stesso e dai suoi compagni. L’Atalanta ha certezze consolidate: il calcio di Gasperini, un presidente super intelligente che non carica mai la piazza, una società abilissima nella scelta dei giocatori. Quando perdono un campione, sanno come rimpiazzarlo. C’è un enorme lavoro di analisi e di scouting. L’Atalanta è un club modello

LEGGI ANCHE: Napoli, idea Gagliardini: la risposta dell’Inter

Un discorso simile ai nerazzurri per la nuova Lazio – “Il calcio di Sarri non s’inventa da un giorno all’altro. Bisogna dare a Maurizio il tempo giusto per cambiare pelle a una squadra che aveva memorizzato idee e sistemi di Simone Inzaghi“. Per completare la rosa a disposizione di Inzaghi intanto Ausilio torna su un ex obiettivo >>>CONTINUA A LEGGERE

Allegri, ex allenatore della Juventus

De Rossi: “Juve in pole. L’Inter ha perso tanto…”

Giuseppe Bergomi

Inter: parla Bergomi ” Ora non bisogna fare un errore”