Questo sito contribuisce all'audience de

bonus

Inter, clamoroso retroscena: Eriksen potrebbe finire fuori rosa

L'Inter esce con le ossa rotte dal derby contro il Milan, dopo aver perso...

Calciomercato Inter, vicino Cragno del Cagliari: i dettagli

CALCIOMERCATO INTER NEWS - Dopo la sosta per le nazionali, per l'Inter è arrivato...

Inter, Bergomi attacca Eriksen: “Il suo talento non è così grande”

Beppe Bergomi, ex capitano dell'Inter e opinionista di Sky Sport, ha parlato ai microfoni...

Inter, Giulini fa dietrofront su Nainggolan: “Felice di non averlo preso”

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Lo ha corteggiato, cercato e addirittura convinto, ma alla fine...

Inter, disastro nel derby col Milan: ecco tutti gli errori di Conte

Dopo la sosta per le nazionali, l'Inter si presenta al derby con ben sette...

Calciomercato Inter, Marotta sistema la fascia sinistra: colpo per gennaio

CALCIOMERCATO INTER NEWS - Dopo il deludente derby contro il Milan terminato 1-2 per...
Home Notizie La Pazza Inter è tornata: tutte le rimonte nerazzurre

La Pazza Inter è tornata: tutte le rimonte nerazzurre

Nel DNA nerazzurro c'è una dose di sana follia, che permette di far accadere qualcosa di imponderabile. Tutte le rimonte dell'Inter dal 2005 a ieri sera

Nulla è impossibile per questa Inter“: è la frase pronunciata da Roberto Scarpini, direttore di Inter Channel, dopo il gol del definitivo 3-2 di Alvaro Recoba contro la Sampdoria. Era il gennaio del 2005 e l’Inter aveva già mostrato quest’attitudine alle rimonte, tanto da essersi guadagnata l’appellativo di Pazza. Infatti, nel corso degli anni, i nerazzurri sono stati protagonisti di rimonte clamorose, come quella di ieri sera nella notte di San Siro contro la Fiorentina. Rimonta, contro-rimonta e contro-contro-rimonta: l’esordio in Serie A della squadra di Antonio Conte è stata una partita destinata a rimanere nella storia del club nerazzurro. La gara è terminata 4-3, proprio come in altre due occasioni in cui l’Inter è riuscita a ribaltare la situazione nel giro di pochi minuti.

Luis Figo
Luis Figo, ex centrocampista dell’Inter

Da Figo a Pandev, passando per Samuel: è sempre la solita Pazza Inter

Nel DNA nerazzurro c’è una dose di sana follia, che permette di far accadere qualcosa di imponderabile. E’ accaduto ieri sera, ma certamente, non è stato un caso. Era il 2006, quando la Roma di Spalletti e l’Inter di Mancini si sfidarono nella finale di Supercoppa Italiana. Dopo mezz’ora, i giallorossi sono in vantaggio di tre gol, ma non avevano fatto i conti con la Pazza Inter. La doppietta di Vieira e il gol di Crespo ristabiliscono la parità nella ripresa: ai supplementari, la pennellata su calcio di punizione di Luis Figo si insacca all’angolino e i nerazzurri portano a casa il primo trofeo della stagione.

Passano gli anni, cambiano gli allenatori, i giocatori, gli obiettivi, ma l’indole della squadra nerazzurra rimane la stessa. Il 9 gennaio del 2010 al Meazza l’Inter di Mourinho, prima in classifica, ospita il Siena di Malesani, fanalino di coda della Serie A. I toscani vanno in vantaggio con un super gol di Maccarone, ma Sneijder prima e Milito poi ribaltano la gara. Nella ripresa, Ekdal e ancora BigMac riportano avanti i toscani. Lo Special One, in totale emergenza, le prova tutte: la mossa della disperazione è Walter Samuel centravanti. A due minuti dal 90′, Wesley Sneijder, ancora su punizione, fa 3-3 e al 94′ accade qualcosa di impensabile. Da un lancio di Cordoba, Pandev fa la torre per Samuel che davanti al portiere mantiene il sangue freddo e non sbaglia, come se fosse un vero bomber di razza. San Siro esplode, Mourinho è incontenibile, l’Inter, che in quella stagione conquisterà il Triplete, si conferma più pazza che mai.

E come dimenticare la vittoria in rimonta all’Allianz Arena? All’andata, Julio Cesar non trattiene un pallone innocuo e Mario Gomez fa 0-1, dunque l’Inter si ritrova costretta a vincere. Pronti-via e Samuel Eto’o ristabilisce la parità, ma Julio Cesar ci ricasca e Gomez ne approfitta nuovamente, prima del 2-1 firmato da Muller. I bavaresi giocano meglio, ma non riescono a concretizzare. Nel secondo tempo, Sneijder da fuori area fa 2-2 e all’ultimo respiro Goran Pandev decide di diventare l’eroe dell’Inter di Leonardo, sfruttando al meglio l’assist di un immenso Eto’o. Al fischio finale è 2-3 e i nerazzurri volano ai quarti di finale.

Matias Vecino
Matias Vecino, centrocampista dell’Inter

Vecino, l’uomo della Champions: quante rimonte dell’Inter

Era il marzo del 2011, ma l’abitudine a clamorosi ribaltoni fa parte della storia del club nerazzurro. L‘Inter più deludente dell’ultimo decennio vince 2-3 anche a Catania, dopo essere andata in doppio svantaggio, grazie ai gol di Cambiasso e Palacio. Tuttavia, nella memoria dei tifosi nerazzurri, è ancora impressa la notte del 20 maggio del 2018. All’Olimpico di Roma va in scena una vera e propria finale che vale l’accesso in Champions League: l’Inter di Spalletti è obbligata a vincere per tornare nell’Europa che conta dopo 7 lunghi anni. Il primo tempo termina 2-1 per la Lazio, ma quando ci sono i nerazzurri in campo, è vietato dare un risultato per scontato. Icardi dal dischetto pareggia i conti, i padroni di casa rimangono in 10 uomini e al minuto 82, c’è un corner dalla destra. Matias Vecino svetta più in alto di tutti e schiaccia il pallone nella porta di un incolpevole Strakosha: è 2-3, è delirio nerazzurro, l’Inter è in Champions League.

E per una competizione così importante, l’esordio non può essere di certo banale. 18 settembre 2018: InterTottenham, girone di Champions League. Christian Eriksen, ironia della sorte, lancia gli Spurs verso la vittoria, ma è soltanto un’illusione. Sempre Mauro Icardi, con un destro al volo di rara bellezza, pareggia a pochi minuti dal 90′ e all’ultimo istante c’è di nuovo un calcio d’angolo, ancora dalla destra. Candreva si incarica della battuta, De Vrij fa la sponda e indovinate chi la riprende? Esattamente, sempre lui, Matias Vecino: l’uomo della Champions, l’uomo della Garra Charrua, l’uruguaiano con un cuore differente. 

Penultima rimonta, in ordine cronologico, è il derby di Milano della scorsa stagione. Il Milan di Pioli chiude la prima frazione sul risultato di 2-0, grazie a un immenso Zlatan Ibrahimovic, autore di un assist e un gol. Inizia la ripresa e dopo 10 minuti, prima Brozovic e poi ancora Vecino rimettono in carreggiata l’Inter, che grazie allo stacco di De Vrij si portano addirittura in vantaggio. Il sigillo finale di Romelu Lukaku sancisce l’apoteosi nerazzurra: San Siro può fare festa, Milano è nerazzurra.

Nuova stagione, stessa Pazza Inter. Ieri sera, contro la Viola, è andato in scena l’ennesimo capolavoro della squadra nerazzurra. A cinque minuti dal 90′, i nerazzurri erano sotto per 2-3. Ma, prima Lukaku e poi Danilo D’Ambrosio hanno deciso di scrivere un altro capitolo di un romanzo intitolato “Pazza Inter“.

Inter, va tutto male: cosa non va in Eriksen, cosa sbaglia Conte

Continua il periodo assolutamente negativo dell'Inter, che dopo aver perso nel derby contro il...

Inter, Champions e nuvole: contro lo Shakhtar vietato sbagliare

Dopo la sconfitta nel Derby contro il Milan, l'Inter incassa un'altra batosta inaspettata. E'...
bonus

Calciomercato Inter, Marotta trova l’accordo e conferma: attesa l’ufficialità

CALCIOMERCATO INTER NEWS- La rosa nerazzurra è stata allestita ed ufficializzata il 5 ottobre, data di chiusura della finestra del calciomercato estivo. Acquisti, cessioni,...

Calciomercato Inter, Pellegatti lancia la bomba: scambio indecente col Milan!

NEWS CALCIOMERCATO INTER - Considerarla una notizia vera e propria non sarebbe corretto. Forse poco più che una suggestione quella lanciata da Carlo Pellegatti,...

Inter, recupera Sanchez: ma c’è una notizia negativa per Conte

Vigilia agrodolce in casa Inter in vista della sfida contro il Milan, big match della quarta giornata di Serie A. Notizie confortanti arrivano sul...

Calciomercato Inter, clamoroso retroscena: Marotta propone Dybala a Conte

CALCIOMERCATO INTER NEWS - Dopo la brutta sconfitta nel derby contro il Milan, l'Inter deve subito cercare di ripartire col piglio giusto nella delicata...