in

Inter, Vidal sfida la Juventus: e sogna il “delitto perfetto”

Vidal, centrocampista dell'Inter
Vidal, centrocampista dell'Inter (@imagephotoagency)

Bastone e carota. Per stessa ammissione di Conte, il suo rapporto con Vidal nei primi mesi di Inter per il cileno si è diviso tra l’accomodante e il critico. Tutto, però, sempre per il bene della squadra e mai per fare la voce grossa con un suo pupillo dai tempi della Juventus. I bianconeri saranno gli avversari di domenica, successivamente all’impegno di Coppa Italia contro la Fiorentina, ed un risultato positivo rilancerebbe il morale dei nerazzurri.

La classifica, del resto, già sorride alla compagine di Conte e Vidal intende portare quel sorriso anche sulla bocca dei tifosi nerazzurri. Stanco di essere etichettato come lo juventino, Arturo sfida Madama e sogna il delitto perfetto.

Vidal, centrocampista dell'Inter
Vidal, centrocampista dell’Inter (@imagephotoagency)

Inter, Vidal è pronto: “Se ne segno uno…”

Il gol dell’ex è un classico del calcio, quasi al pari di una legge non scritta. La Juventus è l’avversaria numero uno dell’Inter – e viceversa – e Vidal ha avuto una carriera tanto prestigiosa da vestire entrambe le casacche. Il cileno nerazzurro è consapevole di un avvio con il freno a mano tirato, dove si è rivelato una calamità più per i compagni che per gli avversari. L’ex Bayern e Barcellona, molto attivo sui social, ha risposto così ad un tifoso: “Se ne segno uno, ne metto dieci di fila”.

Il riferimento è ai gol, parte integrante del suo repertorio, che ancora non ha messo a segno con l’Inter. Contro la Roma sono giunte le prime occasioni degne di nota, accompagnate da alcuni timidi segnali di ripresa. Probabilmente, il guerriero osserverà con la Fiorentina un turno di riposo per poi concentrarsi sulla sua vecchia squadra. E regalare una gioia ai nerazzurri di Conte, per scrollarsi finalmente di dosso il suo ingombrante passato.

Esultanza Inter

Inter, insidia Fiorentina: Conte sfida i fantasmi di gennaio

Kolarov, difensore dell'Inter

Inter, mistero Kolarov: ora Conte si aspetta di più