in

Inter, Kovacic: “Primo anno emozionante a Milano. Il mio problema è stato…”

Mateo Kovacic
Mateo Kovacic, ex centrocampista dell'Inter

Inter, Kovacic ricorda il suo passato nerazzurro

Arrivato all’Inter con la nomea di enfant prodige, Mateo Kovacic ha alternato in nerazzurro prestazioni esaltanti e flessioni inspiegabili. Un diamante grezzo che, con il suo passaggio al Real Madrid, ha fruttato alle casse del club meneghino ben 30 milioni di euro. Il centrocampista croato, esploso nell’Inter di Stramaccioni, può essere considerato a tutti gli effetti un rimpianto dai tifosi nerazzurri, in relazione all’immenso potenziale quasi mai espresso pienamente a Milano. Lo stesso è avvenuto nel capoluogo iberico, dove l’ex Dinamo Zagabria non è riuscito a trovare grande spazio, nonostante i tre successi europei conquistati con la compagine allenata da Zinedine Zidane. Tutto questo prima di cambiare vita e trovare finalmente continuità di rendimento alla corte del Chelsea di Roman Abramovich.

Il centrocampista dei Blues ha parlato anche di Inter nell’intervista rilasciata ai canali ufficiali del club inglese: “Quando sono arrivato a Milano ero triste per aver lasciato la Dinamo Zagabria, ma dall’altra parte felicissimo per aver abbracciato un grandissimo club. Mi hanno dato subito la 10, ma non ho sentito pressioni, solo entusiasmo. E’ stato un periodo emozionante, soprattutto in riferimento al primo anno. A Madrid, invece, sono stati tre anni difficili, il mio problema è sempre stato il continuo cambio di ruolo. Fortunatamente sono arrivato al Chelsea nel momento migliore della mia carriera”.

Beppe Marotta

Calciomercato Inter, a gennaio doppio colpo in arrivo per Conte

Marotta e Paratici, amministratore delegato dell'Inter e CFO della Juventus

Calciomercato Inter, sfida alla Juventus: affare da 40 milioni di euro