in

Inter, incredibile Di Canio: “Lukaku non è un top. Eriksen…”

Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter
Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter

Dopo la gara vinta in rimonta dall’Inter per 4-2 contro il Torino è intervenuto Paolo Di Canio su Sky Calcio Club, dove ha parlato dei nerazzurri ed in particolare di Lukaku ed Eriksen. La prestazione della Beneamata nonostante la vittoria non è stata esaltante, specialmente nella prima frazione di gara, ma la prova di carattere mostrata nei minuti successivi è stata fondamentale. Ecco alcune dichiarazioni dell’ex calciatore: “L’Inter non può credere di vincere 15/20 partite in questo modo. Mi piace di più questo Conte, quello vero, quello che ha vinto, prima  era poco credibile e per questo rischiava di perdere l’intesa con i propri giocatori. Lukaku? Non è un topo, con lui non parti con l’1-0, non è come Ibrahimovic o Cristiano Ronaldo. Ci sono i top e i bravi, lui è molto bravo”.

Eriksen, centrocampista dell'Inter
Eriksen, centrocampista dell’Inter

Inter, Di Canio: “Ve lo ricordate con chi giocava Eriksen?”

Successivamente Di Canio ha continuato a parlare di BigRom e di Eriksen: “Lukaku farà quello che sa fare, lo voglio vedere nelle partite importanti: è un giocatore concreto, funzionale alla squadra. Voi parlate di Eriksen, ma velo ricordate con chi giocava? Kane, Dele Alli, palla dalla trequarti per l’inserimento e nello stretto…Kane è unico in questo, mentre Lukaku è diverso, vuole palla addosso e questo non esalta il danese, per questo trova difficoltà, così come Hakimi“.

Questa è stata l’analisi di Di Canio, che potrebbe essere molto discutibile per quanto detto su Lukaku, anche perché è sempre tra i migliori in campo tra le file di Conte. Intanto sull’asse di mercato Marotta ha pescato dalla Francia un colpo pazzesco per la fascia. >>>CONTINUA A LEGGERE

Zidane, allenatore Real Madrid

Verso Inter-Real Madrid, Zidane trema: quante assenze importanti

Marotta e Conte, amministratore delegato e allenatore dell'Inter

Inter, durissimo attacco a Marotta: “Scodinzola dietro Conte in modo penoso”