in

Inter, De Zerbi interviene in difesa di Conte: ecco per cosa

De Zerbi, allenatore del Sassuolo
De Zerbi, allenatore del Sassuolo

Roberto De Zerbi è uno degli allenatori “sorpresa” della Serie A. Il suo Sassuolo è, al momento, al secondo posto in classifica dietro al Milan e sopra alla Roma e mostra un gran bel gioco, compattezza e qualità con un Berardi in ottime condizioni. Molto spesso il suo collega e prossimo avversario Antonio Conte viene criticato per un determinato motivo: il suo ingaggio. Al primo passo falso, all’allenatore nerazzurro viene ricordata la cifra stellare che percepisce dal club di Zhang. I 12 milioni netti a stagione è come se non gli consentissero di sbagliare o come se tutto fosse dovuto: nuovi trofei da esporre in bacheca, prestazioni sempre convincenti o mai una parola fuori posto. L’allenatore del Sassuolo interviene, in diretta televisiva, per difendere Conte da queste accuse.

Antonio Conte, allenatore dell'Inter
Antonio Conte, allenatore dell’Inter

De Zerbi: “Nessuno ti regala nulla, evidentemente…”

Il Sassuolo e l’Inter si sfideranno domenica per la nona giornata di campionato e De Zerbi e Conte si ritroveranno faccia a faccia per una sfida tutt’altro che semplice. All’allenatore dei neroverdi, ospite di Tiki Taka, è stata fatta una domanda precisa dal conduttore Piero Chiambretti: “Il fatto che Antonio Conte incassi 12 milioni all’anno pesa sul giudizio che stampa e tifosi hanno di lui?”. De Zerbi è stato molto schietto e difeso ed elogiato l’allenatore nerazzurro facendo riferimento al suo palmares.

Questa la risposta del tecnico del Sassuolo: “Beh sicuro, ma i soldi non li regala nessuno. Se glieli hanno dati è perchè se li è meritati e la storia lo dice”. La squadra di De Zerbi è una delle bestie nere delle ultime stagioni dell’Inter. Le sfide contro il Sassuolo sono sempre sofferte ma così come domani contro il Real Madrid, anche domenica sarà un test importantissimo in chiave classifica, per l’Inter.

Lautaro Martinez, attaccante Inter

Inter, Conte boccia il tridente Sanchez-Lautaro-Lukaku a meno che…

Samir Handanovic

Inter, Handanovic: “Ci complichiamo la vita da soli. E’ successo più volte”