in

Inter, Conte ritrova la squadra: certezze e incognite dopo il rientro

Christian Eriksen centrocampista dell'Inter
Christian Eriksen, trequartista danese dell'Inter

E’ finalmente tempo di Serie A. Il campionato riparte mai come quest’anno sul filo dell’incertezza, con tutte le big appaiate a pochi punti e con la sensazione che il monopolio Juve stia via via decentralizzandosi. Conte dovrà ingranare la marcia giusta e conquistare più vittorie possibili da qui fino alla partita con il Napoli, in programma a metà dicembre (con un calendario abbordabile sulla carta), sebbene non vi sia troppo tempo per pensare e fare calcoli.

Sabato alle ore 18 si giocherà con un Torino assetato di punti, che vorrà risalire il prima possibile dai bassifondi della classifica: partita tutt’altro che facile dunque. Tanti si domandano che Inter sarà dopo la sosta, tra giocatori di ritorno dagli infortuni e calciatori in cerca di riscatto dopo un inizio poco convincente. I motivi però per sorridere in questo momento sembrano di più rispetto a quelli per cui preoccuparsi, soprattutto alla luce delle recenti prestazioni di alcuni nerazzurri nelle rispettive nazionali.

Eriksen, centrocampista dell'Inter
Eriksen, centrocampista dell’Inter

Inter, da Lukaku a Eriksen: su chi può contare Conte?

La sosta di queste due settimane ha dato risposte importanti ad Antonio Conte. In tanti hanno ritrovato la condizione, molti hanno di fatto confermato le loro prestazioni positive già dimostrate in questo inizio stagione, c’è chi invece potrebbe risentire di questi impegni così ravvicinati e dispendiosi in ottica campionato.

Romelu Lukaku è tornato, le ultime prestazioni con il Belgio hanno confermato che il gigante belga ha ritrovato la condizione e potrà tornare ad essere determinante in Champions e in Serie A viste le assenze per infortunio prima della sosta. Confermano il loro buon momento anche gli azzurri Barella, Bastoni e D’Ambrosio; a questi si aggiungono anche Lautaro e Vidal, con quest’ultimo in difficoltà nella prima parte di stagione ma che ha dato risposte incoraggianti nelle ultime uscite con la Roja, segnando tre gol in due partite. Le incognite riguardano Hakimi ed Eriksen: il primo era uscito malconcio da una partita con il suo Marocco e non è al top della condizione, il danese invece resta un oggetto misterioso nonostante le prestazioni monstre con la Danimarca. Il feeling con Conte non è sbocciato ed è palese, ma converrebbe sia al giocatore sia alla squadra che facesse bene da qui fino a gennaio per attirare le attenzioni di grandi club in ottica mercato. Forfait sicuri saranno quelli di Brozovic e Kolarov, rientrati positivi dopo gli impegni con Croazia e Serbia.

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter

Calciomercato Inter, sliding doors: a gennaio due nomi sulla lista di Marotta

Roberto Martinez, ct del Belgio

Inter, parla Martinez (ct Belgio): “Lukaku in nerazzurro all’apice della carriera”