in

Inter, Conte preoccupato: altro infortunio per un attaccante

Antonio Conte
Antonio Conte, allenatore dell'Inter

Sembra essere un incubo questa stagione dell’Inter tra infortuni e Covid-19 che hanno colpito la rosa di Antonio Conte. Un altro giocatore sarebbe rientrato dalla propria nazionale acciaccato e dovrà sottoporsi ad ulteriori esami per valutare l’entità dell’infortunio. Il calciatore in questione è Pinamonti e con Lukaku, Sanchez e Lautaro ancora impegnati con le proprie nazionali potrebbe crearsi un’emergenza in vanati in caso dovessero esserci ulteriori problemi, con il cileno e il belga che non si trovano nella loro massima forma fisica. L’allenatore salentino spera di poter fare affidamento sui giocatori fondamentali per la propria squadra, cercando di non perdere nessuno per strada, in vista dei numerosi ed importanti impegni che lo aspettano.

Andrea Pinamonti, attaccante dell'Italia
Andrea Pinamonti, attaccante dell’Italia

Inter, Pinamonti: dal goal con la nazionale Under 21 all’infortunio

Pinamonti con la l’Italia Under 21 avrebbe rimediato una botta alla caviglia che lo avrebbe costretto a tornare a Milano: nella giornata di domani dovrebbe sottoporsi ad esami per comprendere l’entità dell’infortunio, secondo quanto riportato da Sky Sport. Il giovane attaccante era anche riuscito a tornare al goal con gli azzurrini nel poker rifilato al Lussemburgo, dando un evidente segnale ad Antonio Conte.

Il giocatore è stato reduce di una buona prestazione in nazionale e sarebbe stato importante per il tecnico salentino in vista dei numerosi impegni delle prossime settimane. Tuttavia ora dipenderà tutto dal suo problema fisico, con la speranza che non si tratti di qualcosa di serio. Intanto sull’asse di mercato l’Inter pensa alla fascia sinistra e avrebbe trovato un accordo con l’Atalanta. >>>CONTINUA A LEGGERE

Vidal e Sanchez, giocatori del Cile

Inter, Rueda ritorna sulla questione Sanchez: “Forse ho sbagliato…”

Eriksen, centrocampista dell'Inter

Calciomercato Inter, Eriksen vuole il Tottenham: addio vicino, 20 milioni per Marotta