in

Inter, Conte a sorpresa: “Voglio tornare in Inghilterra”

Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter
Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter

La situazione attuale dell’Inter non è delle migliori. Purtroppo dopo la sconfitta europea contro il Real Madrid che di fatto ha compromesso il percorso in Champions League, i nerazzurri non sono andati oltre il pareggio contro l’Atalanta di Gasperini, confermando la crisi di gioco e di risultati. Tra i principali colpevoli di questo avvio di stagione c’è Antonio Conte: il mister nerazzurro non ha saputo trasmettere ai suoi calciatori la giusta grinta e al momento non ha saputo organizzare al meglio la sua squadra da un punto di vista difensivo. La speranza è che questa sosta per le nazionali possa fare del bene psicologicamente alla squadra nerazzurra per farla ripartire nel migliore dei modi.

Conte e Kantè, allenatore dell'Inter e giocatore del Chelsea
Conte e Kantè, allenatore dell’Inter e giocatore del Chelsea

Inter, nostalgia per Conte

Antonio Conte non nasconde la sua voglia di tornare in futuro in Premier League. Il mister salentino ha spiegato questo suo desiderio nel corso di un’intervista via Zoom con i colleghi del Telegraph: “Ho questa stagione e un altro anno di contratto con l’Inter, dove ho iniziato un progetto: sinceramente voglio continuare questo progetto e restare per molti anni perché stiamo costruendo le basi. Ma sicuramente nel mio futuro voglio tornare in Inghilterra per fare un’altra esperienza lì“.

Conte ha continuato dicendo: “Mi è piaciuto molto il mio soggiorno in Inghilterra e vorrei tornare a respirare l’atmosfera della Premier League. Per me, per la mia famiglia, vorrei tornare un giorno in Inghilterra perché abbiamo vissuto un’esperienza incredibile e vogliamo riprovarla“. Intanto Conte lavora con Marotta per trovare l’erede di Handanovic >>> CONTINUA A LEGGERE

Conte allenatore dell'Inter

Calciomercato Inter, scelto l’erede di Lautaro Martinez: gioca in Serie A

Goran Pandev, attaccante del Genoa

Inter, Pandev ricorda il Triplete: “Mourinho lo aveva capito”