in

Inter, asse Nainggolan-Cagliari: Zhang ha evitato un precedente, gli aneddoti di calciomercato

Zhang, presidente Inter
Steven Zhang, presidente Inter

La storia di Nainggolan al Cagliari è stata raccontata per un mese intero, ma alla fine l’Inter è riuscita a trattenere il giocatore senza cedere alle proposte poco valide del club sardo. Il centrocampista belga è un rinforzo ulteriore per la rosa di Conte, essendo comunque un giocatore di un certo livello che potrebbe dare una grande mano per il raggiungimento degli obiettivi della società nerazzurra. Il Ninja è stato veramente vicino al ritorno in Sardegna, ma la Beneamata ha lasciato inalterate le sue richieste, rifiutando le proposte dei rossoblù sino al termine della sessione di mercato. La questione sembrava fosse finita là, ma il fallimento della trattativa ha fatto sì che il club meneghino creasse un precedente a suo sfavore, come raccontato da La Gazzetta dello Sport.

Radja Nainggolan, centrocampista dell'Inter
Radja Nainggolan, centrocampista dell’Inter nel mirino del Cagliari

Inter, la minusvalenza evitata da Zhang con Nainggolan

Come raccontato da Alfredo Pedullà al sito de La Gazzetta dello Sport, Zhang è riuscito ad evitare che venisse creato un precedente, trattenendo giustamente Nainggolan a Milano. Se la proposta del Cagliari fosse stata accettata sarebbe stato un grande fallimento per l’Inter, perché l’affare era simile a quello di Godin, con il cartellino praticamente regalato e solo l’ingaggio da pagare. Questo tipo di trattative potrebbe essere fatto una sola volta, proprio per evitare che quasi tutti i club si approfittino di queste situazioni.

Dunque la Beneamata ha evitato un bella minusvalenza e una brutta svolta che avrebbe potuto avere il calciomercato della dirigenza meneghina in futuro. Durante il mercato c’è stata anche una richiesta shock di Conte alla società nerazzurra. >>>CONTINUA A LEGGERE

De Laurentiis, presidente del Napoli

Calciomercato Inter, affare col Napoli: scambio pronto per gennaio

Javier Zanetti

Inter, senti Zanetti: “Lautaro Martinez presente e futuro del club”