in

Icardi non dimentica: “L’Inter può vincere lo Scudetto, date tempo a Lukaku”

Icardi
Icardi, ex attaccante dell'Inter

Inter, le parole di Icardi tra passato, presente e futuro

Per molti tifosi un rimpianto, per altri una liberazione. Mauro Icardi, fin dal suo approdo all’Inter, ha diviso l’opinione pubblica, oscillando come un pendolo tra l’esaltazione e l’indignazione, legata soprattutto alle vicende extracalcistiche. Un’estate movimentata per l’argentino, messo alla porta da Beppe Marotta e Antonio Conte e trasferitosi all’ombra della Tour Eiffel soltanto nelle ultime concitate ore di calciomercato. Il futuro, però, resta incerto, visto che l’attaccante rosarino è stato acquistato dal Psg con la formula del prestito con diritto di riscatto.

Proprio Mauro Icardi si è concesso ad una lunga intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport, prendendo le fila dal suo presente parigino: “Non mi aspettavo un’accoglienza simile, i tifosi mi hanno fatto sentire subito tutto il loro appoggio. Ho avuto la possibilità di giocare contro il Real Madrid, ma ancora non ero al 100% a causa di un lieve infortunio e di un’estate movimentata. Qui ci sono giocatori che possono cambiare la gara in ogni istante, a partire da Mbappe, Neymar e Cavani. Li sto conoscendo un po’ alla volta, ad esempio qualche giorno fa sono andato a vedere una partita del Lione con Mbappe. Verratti? C’è grande sintonia, parliamo italiano e mi ha aiutato tanto nell’ambientamento”.

Inter, Icardi: “Conte ambizioso, Lukaku farà tanti gol”

Dal presente al passato, Icardi ha commentato anche l’inizio di stagione della sua Inter: “A Milano è arrivato un allenatore e tanti giocatori che hanno voglia di vincere. Lo Scudetto è possibile, anche se tocca a loro continuare il lavoro iniziato in passato e ridurre ancora il gap con la Juventus, che rimane comunque al top. Lukaku? Non mi sembra in crisi, ha fatto subito qualche gol, poi ha avuto un piccolo infortunio ed è calato un po’. Conte lo ha voluto fortemente e lui deve dimostrare di essere all’altezza delle aspettative. Ambientarsi nel campionato italiano non è affatto semplice, ma Lukaku ha sempre fatto gol e ne farà tanti anche con l’Inter”.

Sul futuro, invece, Icardi ha sentenziato: “Il mio unico obiettivo, ora, è dare il massimo con la maglia del Psg. A fine campionato vedremo, è ancora presto per pronunciarsi. Stiamo costruendo un’altra casa a Milano, perché il mio desiderio e quello della mia famiglia è viverci quando avrò finito di giocare”.

Lazaro

Inter, missione rinascita per Lazaro: è arrivato il momento dell’austriaco

Ozil, centrocampista dell'Arsenal

Calciomercato Inter, Ozil in uscita: corsa a tre per il tedesco