in

Dzeko-Dumfries, l’impatto a bilancio del doppio colpo neroazzurro

“Calcioefinanza.it” fa il punto sulla situazione bilancio Inter dopo gli ultimi acquisti

Steven Zhang presidente dell'Inter
Steven Zhang, presidente dell'Inter

Due in un colpo solo

L’Inter sabato ha annunciato ufficialmente gli acquisti di Edin Dzeko prima e Denzel Dumfries poi. Due rinforzi importanti per la squadra allenata da Simone Inzaghi, pronti ad aiutare l’Inter nella stagione che sta per iniziare. Il bosniaco e l’olandese rappresentano i sostituti degli ormai ex, Lukaku e Hakimi. I due calciatori hanno permesso alle casse interiste di rifiatare, infatti i 185 milioni ricavati dalle cessioni dei due big non sono nemmeno comparabili alle cifre che gravitano intorno ai due neo-acquisti.

LEGGI ANCHE: Inter-Correa, un ex spinge “el Tucu” verso Milano

La spesa totale sborsata dalla società neroazzurra per Dumfries è infatti l’unica uscita da segnalare in ottica cartellini dei giocatori, se escludiamo il riacquisto di Vanheusden per 16 milioni, girato in prestito secco al Genoa per tutta la stagione 2021-2022. Gli altri due acquisti infatti sono arrivati a titolo gratuito o quasi. Se per Calhanoglu l’inter non ha versato un centesimo, dovrà invece sborsare alla Roma un bonus legato ai risultati in Champions per Dzeko.

L’analisi di Calcioefinanza.it


“Calcioefinanza.it” é andata ad analizzare l’impatto a bilancio dei due nuovi acquisiti. Si legge: “Partendo da Dzeko, secondo quanto riportato da Sky il giocatore sarebbe arrivato a zero dalla Roma, ma l’Inter pagherà un bonus di circa 1,5 milioni di euro ai giallorossi in caso di qualificazione alla prossima Champions League. La cifra è in linea con il valore del calciatore a bilancio per la Roma, pari a 1,4 milioni di euro, la cifra necessaria per non fare registrare una svalutazione al club di Friedkin. Per il momento il peso a bilancio per i nerazzurri dovrebbe dunque riguardare solamente lo stipendio, che secondo la stampa sportiva italiana sarà pari a 5 milioni di euro netti, dunque 9,25 milioni di euro lordi“.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Inter, incontro per Zapata: ballano 10 milioni


Riguardo all’esterno olandese arrivato dal PSV per sostituire Achraf Hakimi si legge: “Il laterale olandese si è trasferito in nerazzurro per la cifra di 12,5 milioni di euro (ai quali si aggiungeranno eventuali 2,5 milioni di bonus). Per il calciatore uno stipendio da 2,5 milioni netti, circa 3,28 milioni di euro considerando gli sgravi fiscali previsti dal Decreto Crescita. Visto che il contratto andrà in scadenza nel 2025, la quota ammortamento per la stagione 2021/22 sarà pari a circa 3,13 milioni di euro. A questi va aggiunto uno stipendio lordo per un peso a bilancio totale di 6,41 milioni di euro circa”. Da questi dati si evince come l’Inter non voglia pareggiare offerte esorbitanti che stanno arrivando per molti dei profili a cui la società è interessata. >>>CONTINUA A LEGGERE

De Laurentiis, presidente del Napoli

Insigne, il Napoli ne chiede due all’Inter

La primavera nerazzurra al lavoro

Mirarchi, futuro in altri club di Serie A