Inter-Borussia Dortmund, Favre: “Valuteremo Burki, Reus e Alcacer out”

Inter-Borussia Dortmund, Favre presenta la sfida di Champions

Inter-Borussia Dortmund, un vero e proprio scontro diretto per il passaggio agli ottavi di finale di Champions League. I gialloneri, dopo le prime due partite, condividono la vetta del raggruppamento con il Barcellona e hanno accumulato un vantaggio di tre punti sulla compagine nerazzurra, ancora a secco di vittorie nella massima competizione continentale. Non propriamente una finale, è vero, ma una partita che potrebbe rappresentare una svolta per entrambe le squadre.

Ne è convinto l’allenatore del Borussia Dortmund Lucien Favre che, nel corso della conferenza stampa, ha seguito la scia di Antonio Conte, affermando: Conte ha ragione, non è una finale perché può accadere ancora di tutto. Ci sono ancora quattro partite da giocare, ma è inutile nascondere che domani sarà una gara molto importante. Dovremo prestare attenzione, perché andremo ad affrontare una squadra in salute, che ha fatto bene sia con la Juventus che con il Sassuolo.

Il tecnico dei gialloneri ha, poi, analizzato la situazione di infortunati e indisponibili: “Domani valuteremo Burki, non si è allenato e dopo la rifinitura decideremo. Dovrebbe comunque farcela. Reus e Alcacer, invece, non saranno disponibili, ma sono sicuro che chi giocherà al loro posto farà bene. Chi sostituirà Reus come capitano? Si tratta di una questione senza importanza. Marco già da qualche giorno combatte con una infezione e non si è sentito di partire con noi”.

Inter-Borussia Dortmund, anche Weigl in conferenza stampa

É toccato a Julian Weigl accompagnare il proprio tecnico in conferenza stampa. Ecco le parole del calciatore tedesco: “Innanzitutto siamo molto felici per la vittoria di sabato, questo entusiasmo ci darà carica per le prossime partite. Siamo riusciti a difenderci da squadra e ad esprimerci su ottimi livelli. L’Inter è un’avversaria molto pericolosa, abbiamo analizzato diversi video e sappiamo che i nostri avversari prediligono difendersi con ordine e ripartire in velocità. Elaboreremo una strategia vincente. Lukaku? Ho giocato contro molti giocatori forti fisicamente, per me non fa differenza”.

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!