Inter-Borussia Dortmund, Conte: “Non è una finale. Sensi da valutare, Lukaku…”

Inter-Borussia Dortmund, le parole di Conte in conferenza stampa

L’inno della Champions League comincia a risuonare dalle parti di San Siro, che domani sera alle ore 21.00 accoglierà l’attesissima Inter-Borussia Dortmund. La squadra di Antonio Conte dovrà iniziare a dare risposte importanti anche nella massima competizione continentale, in una partita che assume i contorni di un’ultima spiaggia, in chiave qualificazione, per Handanovic e compagni. I nerazzurri, dopo il pareggio interno contro lo Slavia Praga e la sconfitta di Barcellona, necessitano di tre punti per agganciare proprio i gialloneri a quota quattro in classifica.

Antonio Conte ha risposto così alle domande dei giornalisti presenti in occasione della conferenza stampa della vigilia, analizzando soprattutto il tipo di gara che attende i suoi: “Esagerato parlare di finale, ma è ovviamente una partita molto importante. Abbiamo avuto poco tempo per preparare la sfida, oggi siamo andati a prendere in considerazione alcuni video e alcune situazioni a cui dobbiamo stare attenti. Parola d’ordine non perdere palloni in fase di costruzione come contro il Sassuolo, perché il Borussia in campo aperto può fare male. Dobbiamo fare del nostro meglio per non avere rimpianti alla fine. Quello intrapreso in Champions è un percorso difficilissimo, che porterà ad accrescere soprattutto la nostra esperienza in campo internazionale”.

Inter-Borussia Dortmund, Conte: “Diamo fiducia a Lazaro”

Dopo aver analizzato i principali temi collegati a Inter-Borussia Dortmund, Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa del rendimento dei singoli, a partire da Valentino Lazaro: “Lo abbiamo preso per fare l’esterno di centrocampo, ruolo che ha ricoperto anche all’Hertha Berlino. Ovviamente, per tutti i giocatori che provengono da squadre di media fascia, c’è bisogno di un periodo di adattamento. Ci vogliono pazienza e fiducia”.

Su Brozovic, Lautaro e Lukaku: “Marcelo è già un giocatore fondamentale e, continuando a lavorare in questo modo, può diventare un top mondiale di livello assoluto. Per quanto riguarda Lautaro, testa bassa e pedalare. Non deve pensare che il gol sia tutto, perché per me non è così. Ha delle potenzialità importanti, poi spetta a lui capire se vuole diventare un top player o rimanere un giocatore di medio livello. Lukaku? Era molto contento per i gol, spesso in Italia si passa troppo in fretta dall’elogio alla critica. Ci vuole più equilibrio. Romelu si è integrato perfettamente e sono molto contento di questo”.

Una parola anche sulle condizioni degli infortunati: D’Ambrosio ha subito una microfrattura, quindi dovrà essere valutata la soglia del dolore. Sensi, invece, domani si sottoporrà ad un nuovo controllo, aspettiamo notizie in merito dallo staff medico”.

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!