in

Inter, niente Zapata: ipotesi Thuram

La trattativa tra Inter e Atalanta è in stallo per Duvan Zapata. Ecco l’alternativa di Marotta

thuram
thuram

Come ormai evidente sono ogni punto di vista, l’Inter di Simone Inzaghi ha subito una netta rivoluzione, tra cessioni dolorose e buoni acquisti. Si è fatto di necessità virtù e di meglio non si poteva chiedere alla dirigenza nerazzurra, l’unica garanzia di continuità e professionalità per i tifosi.

Cessioni e acquisti

Lukaku e Hakimi sono state le perdite più sanguinose (nonostante il club abbia incassato circa 175 milioni di euro in due), ma sono stati rimpiazzati con due ottimi giocatori, come Edin Dzeko e Denzel Dumfries, a cui si aggiungono Calhanoglu (forse l’innesto ad oggi migliore) e Cordaz. Con la chiusura del mercato alle porte tuttavia, Marotta ha tra le mani l’ennesima “patata bollente”: completare il parco attaccanti. Con Sanchez infortunato e indisponibile almeno fino a metà settembre, ad oggi il reparto si affida alle prestazioni dei soli Dzeko, Lautaro e Satriano. Troppo poco per i Campioni d’Italia.

Nodo Zapata

I tifosi dell’Inter sono consci che i quasi 200 milioni nella casse del club non potranno essere interamente reinvestiti, a dire il vero, nemmeno la metà. Anche la Curva Nord, nelle sue recenti contestazioni alla proprietà, non ha mai avanzato pretese, poiché la situazione finanziaria del club appare chiara e non trascurabile. Ma che vengano investiti almeno 30-40 milioni, quello sì. Ed ecco che la dirigenza era piombata su Duvan Zapata, giocatore colombiano in forze all’Atalanta di Gasperini, le cui caratteristiche sono similari a quelle del Totem Romelu Lukaku. Ma il club bergamasco ha alzato un muro invalicabile: servono almeno 40 milioni di euro e, a quanto sembra, hanno fatto intendere di non avere un sostituto all’altezza. Ciononostante, come in ogni trattiva, la volontà del giocatore si rivelerà fondamentale: se esprimerà il desiderio di essere ceduto all’Inter, l’Atalanta si troverebbe costretta a favorire il trasferimento, cercando poi un sostituto last minute.

LEGGI ANCHE: Serie A, Zeman: “L’Inter ha vinto grazie a Conte”

Altre ipotesi: tra Correa e Insigne

Se la trattativa per Duvan Zapata dovesse arenarsi, ecco che il duo dirigenziale Marotta-Ausilio tenterà di caricare altri colpi in canna. Si è parlato molto di Joaquin Correa, attaccante della Lazio, che Inzaghi conosce come le sue tasche. Tuttavia, il club gradirebbe un profilo con caratteristiche fisiche e tecniche differenti, artiglieria pesante, per intenderci. Ed ecco che si è vociferato di Wout Weghorst, centravanti del Wolfsburg che, con i suoi 197 centimetri, sarebbe il faro e il fulcro perfetto per l’attacco. Per quanto riguarda Lorenzo Insigne, sembra che la pista si sia raffreddata. L’Inter attende novità da Napoli, ma l’arrivo di Lorenzo il Magnifico è strettamente legato alla situazione di Alexis Sanchez. Il cileno è vittima di un nuovo importante infortunio al polpaccio e alla dirigenza nerazzurra non dispiacerebbe rimpiazzarlo con la stella napoletana.

Suggestione Thuram

Nelle ultime ore si è parlato molto anche del gioiellino del Borussia Moenchengladbach, che l’Inter ha già avuto l’occasione di affrontare nella fase a gironi dell’ultima Champions League: Marcus Thuram. Il club lo considera un potenziale campione, per la sua potenza, velocità e tecnica, nonostante non sia esattamente un centravanti di razza, ma più un esterno d’attacco. L’Inter avrebbe già presentato una prima offerta di 25 milioni di euro, che, al club tedesco, non sarebbero affatto dispiaciuti. Su questa base, si può trattare.

Conte e Lukaku, Inter

Lukaku: “All’Inter con Conte oltre i limiti”

Paolo Condò, giornalista

Condò: “Marotta e Ausilio avrebbero potuto dimettersi”