in

Calciomercato Inter, piano Marotta: operazione da 92 milioni

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter
Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter

Il calciomercato dell’Inter guarda al futuro, pur mantenendosi vigile per quanto riguarda il presente. La finestra di gennaio è fatta di occasioni e possibili cessioni, ma il vero punto sul quale in questa stagione bisogna premere è un progetto a lungo termine. Ecco perché Beppe Marotta e la società, nonostante la crisi finanziaria che ha colpito le casse di Suning, starebbero pensando ad un vero e proprio investimento.

L’operazione prevedrebbe un’operazione da 92 milioni di euro ed è studiata per garantire all’Inter solidità e continuità di risultati, poiché riguarda i rinnovi di contratto.

Lautaro Martinez, attaccante dell'Inter
Lautaro Martinez, attaccante dell’Inter (@imagephotoagency)

Calciomercato Inter, tempo di rinnovi: non solo Lautaro

Il momento dell’Inter è sicuramente tra i migliori degli ultimi anni, con gli uomini di Conte a caccia di uno Scudetto che manca da maggio 2010. Il merito è di un tecnico esperto e di un gruppo di calciatori giovani e di qualità. Ecco perché Beppe Marotta sembrerebbe volersi difendere dalle voci di calciomercato, blindando i propri gioielli con cospicui rinnovi di contratto. L’operazione di 92 milioni, secondo interlive.it, sarebbe giustificata da tre nomi. Il primo è Lautaro Martinez, che dovrebbe sottoscrivere l’accordo per 5 milioni l’anno fino al 2025.

Il primo in ordine di tempo, però, potrebbe essere Bastoni, che appare pronto a firmare per 2,5 milioni l’anno – sempre fino al 2025. Stessa data di scadenza, infine, per Barella: 4 milioni stagionali in vista per uno dei talenti più puri del calcio italiano. E pilastro, insieme ai precedenti nomi, del futuro dell’Inter. Nel frattempo, Marotta guarda il calciomercato e prepara l’assalto all’esterno voluto da Conte >>> CONTINUA A LEGGERE

Arturo Vidal, centrocampista dell'Inter

Inter, certi punti pesano: ora testa al Milan

Juan Musso

Inter, tifosi su Musso: è lui il dopo Handanovic?