in

Calciomercato Inter, Eriksen al Real Madrid? Opzione scambio, pericolo Paratici

Eriksen, centrocampista dell'Inter
Eriksen, centrocampista dell'Inter

NEWS CALCIOMERCATO INTER – Inter-Real Madrid rappresenta il primo vero crocevia della stagione nerazzurra. Serve una vittoria per rimettere la qualificazione agli ottavi di Champions League sui giusti binari, dopo che la squadra di Zinedine Zidane si è aggiudicata il primo round di una sfida molto attesa da ambo le parti. Dall’Europa al calciomercato, però, il passo è breve e sull’asse Milano-Madrid potrebbe concretizzarsi uno scambio che toglierebbe le castagne dal fuoco sia ad Antonio Conte che all’allenatore delle merengues. I due giocatori in questione sarebbero Christian Eriksen e Isco, entrambi ai margini dei progetti tecnici di Inter e e Real Madrid.

Eriksen, centrocampista dell'Inter
Eriksen, centrocampista dell’Inter

Calciomercato Inter, Eriksen per Isco? Paratici si mette di mezzo

Prosegue la sfida eterna tra Inter e Juventus, acerrime rivali in campionato e sul calciomercato. Il pomo della discordia, questa volta, sarebbe Isco, oggetto del desiderio di nerazzurri e bianconeri. Secondo tuttojuve24.it, però, Fabio Paratici sarebbe al momento in vantaggio su Beppe Marotta, nonostante l’amministratore delegato del club di Viale della Liberazione possa contare su una contropartita non indifferente da proporre al Real Madrid, ovvero Christian Eriksen.

La Juventus, però, si sarebbe mossa per prima e non avrebbe difficoltà ad assicurare al trequartista un ingaggio da 6 milioni di euro a stagione. Più complicato, invece, convincere Florentino Perez a scendere dalla valutazione di 50 milioni di euro. Se i bianconeri non dovessero riuscirci, ecco che l’Inter potrebbe tornare in corsa e bruciare i rivali di sempre. Dalla Spagna alla Francia, i nerazzurri avrebbero in mente anche un colpo importante per la fascia >>>SCOPRI I DETTAGLI

Benzema, attaccante del Real Madrid

Inter, infermeria Real: Benzema in forse, out Ramos

Antonio Conte, allenatore dell'Inter

Inter, rabbia e furore? Solo in situazione di svantaggio